Come organizzare i compiti delle vacanze

compiti delle vacanze

Alcune strategie su come organizzare e gestire al meglio i compiti delle vacanze in modo che il ripasso dello studio fatto a scuola risulti proficuo:

  • Organizzare un calendario
    Compilate una tabella in cui si decide, insieme al bambino, il giorno di inizio compiti. Potrebbe essere una buona idea quella di cominciare i compiti un paio di settimane dopo la fine della scuola, in modo tale da lasciare al bambino un po’ di riposo dopo l’impegno dell’intero anno scolastico.
  • Alternare le materie
    Sarebbe bene alternare nel corso della settimana le varie materie, in modo da ripassare costantemente materie diverse e non focalizzarsi solo su una materia alla volta.
  • Distribuire il carico su tre mesi:
    In base alla quantità di compiti distribuire uniformemente il carico durante la settimana, per non ritrovarsi con una mole di lavoro tutta all’ultimo.
  • Giorno di riposo concordato:
    Scegliere insieme un giorno alla settimana in cui ci si può riposare e fare altre attività diverse e divertenti.
  • Tempo stabilito
    Concordare un tempo in cui svolgere i compiti; il bambino dovrà tenere sotto controllo l’orologio in modo da velocizzarsi qualora perdesse tempo.
  • Tabella premio
    Ogni volta che il bambino termina una paginetta, fategli colorare una stellina o attaccare uno stickers, così una volta raggiunto il numero stelline o stickers concordati, il bambino avrà diritto ad un premio. Il premio non per forza deve essere una cosa materiale, anzi sarebbe preferibile che fosse un’esperienza, magari anche inerente all’argomento di scuola studiato. In questo modo il bambino sarà più motivato nell’esecuzione dei compiti.
  • Nelle settimane in vacanza con la famiglia i compiti vanno sospesi
    Non dimentichiamoci che se si chiamano vacanze un motivo ci sarà, quindi nel periodo in cui tutta la famiglia è in vacanza i compiti possono essere tranquillamente sospesi per godere pienamente il tempo da trascorrere tutti insieme.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento.

Leggi anche: “E’ solo un bambino”…

Segui la nostra pagina Facebook: clicca qui

Data pubblicazione: 01 Lug 2020

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + tredici =